Un parelio veramente eccezionale

Settembre 7, 2016 on 8:43 pm | In Personali, Astro-Sole | No Comments

3 settembre 2016. Un’ora di visione di un fenomeno che stupisce: il parelio. Nomi popolari: i cavalli del sole o i cani del Sole .I pareli sono  macchie luminose e colorate nel cielo, a circa 22° o più sulla sinistra e/o destra del Sole.

I cristalli di ghiaccio responsabili di questo fenomeno sono di forma esagonale e spessi da 0,5 mm a 1 mm. Questi cristalli, fungendo da prismi, rifrangono la luce del sole in molte direzioni La rifrazione dipende dalla lunghezza d’onda, così i pareli hanno la parte interna rossa e altri colori nelle parti più esterne, smorzati dalla reciproca sovrapposizione. Anche l’altezza del Sole è importante: i pareli si allontanano da esso al crescere della sua altezza.

Una sequenza di immagini sia del parelio completo che dei particolari. (Cliccare sulle immagini per un ingrandimento).

Parelio intero

Una ereo davanti al parelio

parelio-part-rid.jpg

Particolare

Parelio destro

« […] Come chiamarli? Immagini del sole? Gli storici li chiamano soli e raccontano che sono comparsi due o tre alla volta. I Greci li definiscono parhelia poiché li si vede generalmente in prossimità del Sole o poiché si caratterizzano per una qualche somiglianza con il sole. In effetti essi non riproducono tutte le caratteristiche del sole, ma la sua grandezza e la sua forma; del resto, deboli ed evanescenti, non hanno niente del suo calore né della sua grandezza. »

« […] Quid uocem? Imagines solis? Historici soles uocant et binos ternosque apparuisse memoriae tradunt; Graeci parhelia appellant, quia in propinquo fere a sole visuntur aut quia accedunt ad aliquam similitudinem solis. Non enim totum imitantur sed magnitudinem eius figuramque: ceterum nihil habent ardoris hebetes et languidi. »

Lucio Anneo Seneca (Cordova 4 a.C – Roma 65 d.C.), ne parla nel primo libro delle Naturales Quaestiones[ (la cui datazione è posta tra il 62 d.C.e il 65 d.C.)


Tamerice

Agosto 9, 2016 on 9:08 pm | In Personali | No Comments

Questa è la tamerice di Livorno, una pianta che si dice centenaria, dipinta da grandi pittori livornesi e meta di innamorati e sposini.
Si trova ad Antignano, cresciuta nella poca terra sopra un masso che sporge dalla linea di costa, tra la spiaggetta chiamata “La tamerice” e la spiaggia Cabianca, riservata ai cani e ai loro padroni.
Il giorno 16 luglio ho visto la pianta coperta di goccioline d’acqua. Brillavano al sole come stelline appese ai rametti.
Ho pensato che la recente mareggiata avesse causato questo fenomeno (le gocce sono salatissime), invece ho scoperto che e’ un fenomeno caratteristico della tamerice che si chiama “sudorazione”. Vedi qui
https://it.wikipedia.org/wiki/Tamarix

tamerice.jpg

Il ramo laterale è sorretto da un cavalletto perché danneggiato dalla nevicata del 2012 che ha spaccato il tronco facendo adagiare a terra l’intero ramo.

goccioline_primo_piano.JPG
.
gocce_tamerice.JPG
.
gocce-sulla-tamerice.jpg


Composizione

Giugno 5, 2016 on 9:20 pm | In Personali, Riciclaggio | No Comments
1-pict0003.JPG


Barattoli

Giugno 5, 2016 on 9:16 pm | In Personali, Riciclaggio | No Comments
1-pict0006.JPG


Pagina successiva »